August 18, 2017 at 11:56 pm

La colpa

La colpa

L’odore non è quello della notte, non è puro, le narici sono piene anche di quella sensazione fresca e umida di un temporale che abbia da poco finito di lavare l’asfalto secco arroventato dai primi caldi estivi. Le strade sono silenziose, vuote, sembrano più grandi.

Il colpevole sarà la prima persona che uscirà trafelata da un atrio di un palazzo, dalla propria auto, dalla propria tana. La colpa di chi rompe la campana di cristallo della vita sospesa fra la frenesia e la capacità di saper respirare ancora.

0 likes L'ultima stazione del mio treno
Share: / / /

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>