June 24, 2017 at 7:10 pm

L’uomo al bar

L’uomo al bar

C’era un uomo una volta, seduto al bancone di un bar. L’ho guardato, non beveva, non parlava, era fermo, immobile. Così è rimasto per circa un’ora, io dovevo uscire, avevo un appuntamento, ma prima di andarmene mi avvicinai e, ricordando una frase di Bukowski gli dissi “Se succede qualcosa di brutto si beve per dimenticare. Se succede qualcosa di bello si beve per festeggiare. E se non succede niente? Si beve per far succedere qualcosa.”.

Poi me ne andai.

0 likes L'ultima stazione del mio treno
Share: / / /

2 thoughts on “L’uomo al bar

  1. Eugenia scrive:

    Bello questo pensiero, praticamente c’è sempre una scusa per bere ;-).
    E mi piace molto l’immagine, direi di Hedward Hopper, pittore che adoro per il modo in cui trasmette la solitudine… Da molto il senso della vita contemporanea.
    Ciao e continua così.

    1. Paolo Panzacchi scrive:

      Grazie mille Eugenia e grazie!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>