September 17, 2021 at 12:30 pm

L’onda lunga

L’onda lunga

I passi pesanti di chi torna a casa dopo una lunga giornata urlano forte sotto i portici, sui marciapiedi, negli androni dei palazzi, sui pianerottoli davanti agli appartamenti. I passi pensanti di chi torna a casa urlano storie belle e drammi quotidiani. I passi pensanti di chi torna a casa si perdono nelle ombre e nell’onda lunga che tutto trascina e sbatte sopra morbidi giacigli, in attesa del momento perfetto che è l’ultimo respiro prima di dimenticare tutto e attendere la luce del sole col suo primo caldo raggio sulla pelle. Un altro giorno, altre storie, drammi e tutto ciò che è fra la luce e l’ombra, sì, ancora quell’ombra. La nostra, dannata, maledetta, che non possiamo dimenticare.

0 likes L'ultima stazione del mio treno
Share: / / /

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>