May 18, 2024 at 1:29 am

La prima parola

La prima parola
Qua non si parla di differenze.

Qua non si parla di un banale bivio.

Qua non si parla di divergenze, discrasie, differenze.

E’ la costante ricerca di battiti cardiaci alterati, respiri troncati, parole dette con quel fottuto secondo di ritardo, gesti rimasti inesplosi.

E’ la costante ricerca dell’errore.

Qua non si parla affatto.
0 likes L'ultima stazione del mio treno
Share: / / /

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>