Paolo Panzacchi
L'ultima stazione del mio treno

December 5, 2019 at 10:46 pm

Viaggi in disordine

Viaggi in disordine

Qua non si parla di viaggi di relax, qua non si parla di vacanze. Qua si parla d’altro: di cambiamento, di voglia di esplorare, di ricostruirsi, di cambiare, di trovarsi e di trovare.


Sì, perchè io la penso proprio così: solo con un viaggio, solo partendo da un punto A e girando nell’orizzonte che scegliamo di vedere si possono rimettere a posto le cose che abbiamo dentro, le cose in disordine, le vite in disordine.


Ci sarebbe poi da discutere sul concetto di ordine: ordine e disciplina, ordine morale, ordine mentale, ordine della propria scrivania, della propria vita, del cazzo che ti pare.


Ma l’ordine vero, che cos’è? Tutte le cose al loro posto? Un’agenda perfettamente compilata? Un planning eccellente e attendibile al millesimo di secondo? 


NO!


L’ordine è avere un orizzonte.


L’ordine è sapere come ti chiami ad ogni ora del giorno.


L’ordine è svegliarsi nel letto giusto.


L’ordine è smettere, ma ripartire.


L’ordine sei tu. 


Il disordine sono gli altri.

0 likes L'ultima stazione del mio treno
Share: / / /

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>